giovedì, giugno 26, 2003

Se lo conosci lo Previti


"Sono un uomo solcato da rughe mediterranee, le quali testimoniano un’esistenza connotata non dai capricci, semmai dalla grinta e dal carattere necessari per vincere le sfide. Del resto, sono calabrese e la primitiva Italia, mia bella ma asperrima terra d’origine, le persone non le vizia, le forgia e le tempra"...Questo se lo dice Previti nel sito web che ho appena visitato. Devo dire che io, semplice cittadino, ho di lui un'immagine opposta a quella che egli si descrive. Non sarà quel "bambino viziato" come l'ha dipinto il P.M. Ilda Boccassini, ma per me rimane quello che ha scritto il compianto Indro Montanelli: "Gli manca il monocolo e poi è come un generale austriaco della prima guerra mondiale". Altro che calabrese. Poi da lettore di certa stampa che Previti sicuramente bollerà per "comunista", l'ho messo in un quadretto che ha la sintesi di una battuta fatta da quelli considerati suoi amici: "Se lo conosci lo Previti". Ma poi non è stato ministro della Difesa? Lui avvocato si sa certo difendere; però nel sito non c'è neanche la minima spiegazione di tutti quei passaggi di miliardi da conti a conti. Tutti quei conti cifrati, ricchi di sostanza e di pseudonimi, dovrebbero essere stati solo "affari", momenti di gloria, investimenti per garantirsi il futuro…E' vero, pensiamo sempre al futuro e mai al presente e poi ecco che cosa capita. Per me, lui ormai settantenne, al futuro ci ha pensato troppo. D'accordo per quel turbillon di miliardi si è definito un grande evasore; ma tutti quei quattrini che girano e girano come un valzer possono avere una spiegazione? Ma davvero le sue imputazioni sono solo il frutto di una congiura nata da una testimonianza di Stefania Ariosto? Ricordo in un'audizione al processo, precedente quello SME, disse che quei soldi erano affari suoi e non riteneva di renderne conto a nessuno: grazie, bella tempra davvero per chi è voluto diventare un personaggio pubblico candidandosi al Parlamento. Senz'altro per le grandi aspirazioni, ambizioni, voglie di potere si trova ora a pagare conti salati. Per questo penso che per una legge karmica la prossima vita la passerà come Madre Teresa di Calcutta. Intanto, una condanna l'ha già avuta ed è allo stato attuale è per me solo un pregiudicato. Un parlamentare pregiudicato.

Nessun commento: