lunedì, gennaio 29, 2024

Interessante la Tavola rotonda su l'IA della Scuola del Fatto presso la università di Roma 3
Quello che è emerso dalla interessante Tavola rotonda promossa dalla Scuola del Fatto è che questa Intelligenza se non sappiamo gestirla, se non sappiamo rapportarci con essa, vuol dire perdere, vuol dire essere condizionati da chi la saprà usare, gestire: questo sarà il nuovo potere che determinerò il prossimo futuro. Mercato, ricerca, impresa, scuola, sono e saranno i campi in cui si misureranno le prossime sfide e senza L'IA non andremo da nessuna parte.
Siamo alle porte di una grande transizione; un grande cambiamento in termini di tecnologia applicativa. Una trasformazione che investirà tutto e tutti per cui l'utilizzo sarà la prova di quanto questo strumento sarà utile e ci aiuterà a progredire tutti insieme. Il Fatto ha preso coscienza che siamo sempre a rincorrere continuamente l'IA; questo lo sta facendo anche la politica e l'unico campo che riesce a tenere il passo è quello della Scienza per cui quest'ultima diventa la forza di essere sempre più protagonista del nostro mondo. Oggi la verità è che nessuno riesce a stare dietro al sistema di IA per cui ne sfruttiamo la capacità solo al 33%. La Scienza dovrebbe e potrebbe esserci molto di aiuto, ma per paradosso trova opposizione e ostacoli in molte persone.
Non bisogna avere paura dell'IA, questa deve essere vista come un potente supporto al nostro vivere professionale e quotidiano. Quindi uno strumento dell'uomo per l'uomo. Una tecnologia che può rendere il mondo un posto migliore. Per questo ci viene incontro una particolare Intelligenza che è definita Generativa e crea immagini, video, storie che espandono la nostra creatività...si, quella rimarrà sempre nostra poiché l'IA elaborerà una mole infinita di dati sempre e solo nostri.
Un appunto mio: ricordo che uno scienziato molti anni fa disse che finché un robot non si riconosce allo specchio non c'è da aver paura...oggi abbiamo anche quello ma è frutto di un algoritmo immesso dall'uomo e questo non porta coscienza. Coscienza di sé. Siamo abituati a vedere nei movimenti e nelle risposte frutto dell'IA una sorta di vita autonoma e noi sviluppiamo per questo empatia...ma attenti, tutto è prodotto da elaborazione di dati che come il soffio di vita divino fa scoprire che dall'evoluzione darwiniana non si scappa.
Il Fatto Quotidiano 29/1/2024

sabato, gennaio 27, 2024

Il giorno della Memoria
E ce ne vorrà tanta di memoria; ce ne vorrà tanta per far si che non si ripeta più l'orrore di un nuovo genocidio. Una fragile pausa continua, ma resta in agguato la cattiveria e l'ignoranza per una nuova strage. Le guerre sono alle porte e sembra che nulla le possa fermare. La memoria come un toccasana, come una medicina dell'anima serva a formarci la coscienza per interrompere il dolore che riserviamo agli altri.
E ce ne vorrà ancora di memoria; ce ne vorrà sempre per far sì che si ribalti la storia. Passate parola. Chi mai pensava che la terra di Goethe, di Kant e di Fichte potesse oscurarsi di grandi pensieri nella violenza xenofoba e inumana? Ci sollevi ancora il pensiero di un grande filosofo tedesco: Ernst Bloch e il suo principio di speranza.

venerdì, gennaio 26, 2024

I miei anni
Sono nato che sulla terra rimbombava ancora lo scoppio delle due bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki; era appena finita la guerra e mi piace pensare che mio padre mi avesse concepito in un giorno di festa tra il 25 aprile il 5 maggio del 1945. Mio padre appena ritornato dal campo di concentramento di Mauthausen dove era stato deportato il 30 giugno del 1944. Mia madre felice mi portò in grembo fino al 2 febbraio del 1946.
C'era ancora la monarchia che sarebbe finita 4 mesi più tardi. L'Italia si riprendeva dopo una guerra devastante e l'ubriacatura del regime fascista. Una camicia nera c'era in ogni guardaroba...a me parve di scovarne una in una vecchia cassettiera ma certamente non era di mio padre che sapevo un socialista di Nenni; d'altronde come poteva, anche se figlio della Lupa, essere fascista ancorché deportato? Lui mi raccontava sempre l'orrore di poter essere ucciso per aver raccolto una mela sotto un albero. Pianse disperato davanti al mitra tedesco. Pensa mi diceva 'oggi non potresti essere nato'. E già. Quante vite interrotte ci furono in quella guerra insensata, ancora e uguale a scelte di potere. E sì, noi italiani eravamo diventati un simbolo di ordine e disciplina...noi eterni artisti arruffoni, anarchici alla stregua di un farabutto imbonitore.
Ogni tanto ci penso: come potrei essere di destra? Nato da una famiglia povera e operaia capii che la cultura e quella avrebbe migliorato la mia vita e mi avrebbe permesso di godere di un tramonto o di una poesia; mi avrebbe permesso di coglierne la qualità e trovato una giusta misura nella ricchezza e nei desideri...insomma una saggezza che avrei perseguito anche con l'età. Oggi non ci sono più' si dice, quelle condizioni:il mondo è cambiato e cambia continuamente però penso che certi valori rimangano e essere di sinistra vuol dire non essere conservatori, ma rinnovare se stessi e l'umanità ogni volta.
Pubblicato su Il Fatto Quotidiano

martedì, gennaio 23, 2024

La storia di Giggiriva
Gigi Riva era nato a Leggiuno in provincia di Varese ma poi dopo aver fatto vincere uno scudetto nel 1970 al Cagliari diventò a tutti gli effetti un sardo doc. e del sardo aveva tutte le caratteristiche: quelle morfologiche e quelle culturali. Insomma Gigi Riva era un sardo. Diventato cittadino onorario di Cagliari nel 2005, Gigi Riva era per il giornalista sportivo Gianni Brera 'Rombo di Tuono', come Gianni Rivera era 'l'abatino'. Ma in Sardegna divenne Giggiriva un sardo come lo divenne anche Fabrizio De Andrè. Nel 1970 il Cagliari con lo scudetto la Sardegna si affrancò e da terra di pastori e banditi divenne terra di turismo e di bellezze naturali.
Giggiriva non se ne andò più via dalla Sardegna e nessuno provò a interrompere quel sodalizio...chi ci provò fu Giampiero Boniperti che voleva portarlo a Torino ma non ci riuscì: Giggiriva era sardo più dei sardi; in verità lo era diventato oltre 60 anni fa quando approdò al Cagliari esattamente l'8 settembre 1963. Giggiriva era andato via da Leggiuno dopo la disgrazia di aver perso papà, mamma e una sorella; aveva bisogno di costruirsi una nuova identità, come i sardi nei confronti di una terra povera. Ci riuscì. La sua impresa iniziò a 19 anni. In Sardegna trovò amici e guide e soprattutto un pubblico da far sorridere ogni domenica. Di quello stesso pubblico ne divenne poi il 'vendicatore'. Una storia oggi irripetibile.

Pubblicato su Il Fatto Quotidiano

martedì, novembre 14, 2023

La guerra, una costante dell'uomo

La guerra è una costante nella storia umana questo a confermare che l'uomo, se ce ne fosse bisogno, è una brutta bestia e come diceva Sigmund Freud non cambia. Ancora James Hilmann sosteneva che l'uomo nutre 'un terribile amore per la guerra'- un suo libro da leggere assolutamente. Così oltre che alla psicoanalisi a dare conferma dell'immutabilità dell'uomo c'è anche la biologia: perchè l'uomo cambi occorrerebbe che almeno alcune cose positive e sagge acquisite durante la vita lasciassero una traccia nel patrimonio genetico; invece no, l'uomo nasce sempre come essere primitivo. In uno scritto Sigmund Freud sosteneva poi che se ad ogni pensiero di uccidere qualcuno fatto dall'uomo morisse un cinese, la Cina sarebbe un enorme deserto. Allora hai voglia a dire e gridare 'Pace'. Essere pacifisti vuol dire che si è fatto un percorso di saggezza con la consapevolezza che le guerre non risolvono nulla, anzi...ma questi saranno sempre e solo una minoranza anche difronte alle lobby delle armi; di fronte ai forti interessi economici che queste guerre comportano. Esistono sempre molti modi per dividere l'umanità; anche quella di mettere in una casella Dio, disegnarlo come una persona che sceglie un suo popolo e delle usanze diventa fonte di guerre: un antico testamento che abbraccia tutti e di tutti fa vittime e carnefici. Che brutta cosa. Ma sarà possibile che la guerra e la violenza diventi un tabù? Un peccato originale come l'incesto e dia vita a una nuova civiltà? Certo che ancora Sigmund Freud ci spiegherà e ha già spiegato che il disagio di un vivere comune minerebbe la ricerca di felicità e libertà individuali...un bel dilemma. E la guerra continua.

giovedì, novembre 02, 2023

L'associazione Ecoistituto REGE (Reggio Emilia- Genova)

Abbiamo a Genova in raccordo con Reggio Emilia, una associazione 'Eco istituto REGE' di Promozione Sociale che si prefigge di impegnarsi per la tutela dell’Ambiente e della Salute. Questa associazione 'Eco istituto REGE', ha sede presso il Circolo ARCI Zenzero in via Torti 35- 16143 Genova. E-mail: ecoistitutorege@gmail.com – info@ecoistitutorege.it L'Ecoistituto REGE con iniziative e modalità che possono risultare fattibili ed opportune, predilige l’intervento nel campo della formazione ambientale a tutto campo, riservandosi anche di fornire consulenze gratuite a cittadini ed istituzioni. L'Ecoistituto REGE fin dalla sua nascita nel 2016 è stato intitolato -su proposta di Massimo Quaini- ai fratelli Italo e Floriano Calvino. L'intitolazione è stata molto appropriata. Italo Calvino, scrittore di fama internazionale, aveva nella sua letteratura fantasiosa l'aspetto metaforico più pregnante per cui i significati simbolici travalicavano le parole. Tra i suoi capolavori c'è:'Il barone rampante' che ci fornisce la visione diversa del mondo di Cosimo salito sugli alberi per non discenderne mai più. Un altro esempio si trova nelle 'Le città invisibili', dove sembra descrivere e prefigurare con impressionante anticipo la situazione attuale di tutte le città alle prese con il problema dei rifiuti e di uno smaltimento che tarda ad arrivare. Floriano Calvino era un geologo che fu un esempio di coraggio e di dirittura morale. In occasione delle inchieste della magistratura sul disastro del Vajont del 9 ottobre 1963, fu l’unico geologo italiano ad accettare l’invito del giudice istruttore di Belluno che cercava tecnici disposti a far parte del collegio dei periti d’ufficio. Floriano trasferitosi a Genova fu direttore di Geologia dell'ateneo genovese; fu anche militante attivo del Tribunale Russell e della Lega Internazionale per il diritto dei popoli, oltre che perito per la difesa dei familiari di numerose tragedie italiane. Molti suoi articoli uscirono sul quotidiano genovese Il Secolo XIX, al quale collaborò per vent’anni. A tale proposito il giorno 21 dicembre 2023 si terrà un evento presso il Circolo ARCI Zenzero per ricordare i fratelli Calvino.
Il tema Ambiente è diventato un'emergenza mondiale; un nuovo fronte di guerra dove per vincerla non occorrono armi, ma la consapevolezza comune di azioni atte a salvaguardare la difesa della Natura e insieme della nostra Salute. L'Eco Istituto REGE ha questo importante scopo e impegno per la tutela dell'Ambiente e della Salute. Per fare aumentare la consapevolezza l'Ecoistituto REGE si impegna con molteplici interventi quali le consulenze gratuite e le informazioni ambientali. Questa attività è supportata dalla conoscenza scientifica e professionale: a questo scopo l’Associazione si è dotata di un Comitato Scientifico di cui fanno parte esperti di diverse branche delle scienze, anche umanistiche. E' chiaro che per raggiungere gli obiettivi di difesa ambientale diventa indispensabile prima di tutto un profondo cambiamento di tipo culturale che si inserisca nella piena consapevolezza della teoria della complessità.
Per quanto riguarda Genova è sorto nel 2018 un coordinamento: Rinascimento Genova; sviluppato dopo il crollo del Ponte Morandi che rappresenta la tragica metafora della fine di un’epoca: quella della crescita infinita basata sul cemento, sul trasporto su gomma, sui combustibili fossili. Da queste scelte senza futuro si può uscire realizzando un nuovo Rinascimento di Genova che potrebbe diventare modello virtuoso per tutto il Paese. Il Manifesto del coordinamento Rinascimento Genova cui aderisce, insieme a numerose altre associazioni, l'Ecoistituto REGE, ha l'obiettivo è di realizzare una rete attiva di cittadini in grado di scambiare idee, informazioni, progetti, formata da tutti i soggetti presenti sul territorio che operano per la difesa dei beni comuni, a cominciare dalla salute e dal benessere della comunità. Quindi una massa critica pensante, in grado di incidere sul processo decisionale del governo locali, regionale, nazionale, indirizzandoli verso scelte che garantiscano, a tutti, sviluppo durevole e sostenibile, in equilibrio con le risorse del Paese e del Pianeta.
In questo periodo l'Ecoistituto REGE sta tenendo un Corso Donne Ambiente che grazie alle esperienze maturate all'interno del movimento femminista hanno sviluppato una crescente sensibilità vero i temi ambientali. Insieme si sono avvicinate a loro altre persone che in un'ottica di consapevolezza condividono tematiche di genere e ambiente.

mercoledì, ottobre 18, 2023

A proposito del disastro del Vajont

A proposito del disastro del Vajont di cui si commemorano quest'anno i 60 anni dal tristissimo evento successo il 9 ottobre 1963, bisogna ricordare di quel periodo il fratello di Italo Calvino, Floriano geologo e grande esperto nello studio delle dighe, e il grande contributo alle cronache e alla verità che diede la giornalista dell'Unità, Tina Merlin.
Floriano Calvino in occasione delle inchieste della magistratura sul disastro del Vajont del 9 ottobre 1963, fu l’unico geologo italiano ad accettare l’invito del giudice istruttore di Belluno che cercava tecnici disposti a far parte del collegio dei periti d’ufficio. Questa sua decisione non fu estranea alla decisione di Floriano Calvino di lasciare dopo pochi anni l’Università di Padova per trasferirsi presso l’ateneo di Genova quale direttore dell’Istituto di Geologia. Floriano fu anche consulente di importanti progetti e militante attivo del Tribunale Russell e della Lega Internazionale per il diritto dei popoli, oltre che perito per la difesa dei familiari di numerose tragedie italiane. Sul quotidiano genovese Il Secolo XIX, al quale collaborò per vent’anni, uscirono numerosissimi articoli. Nel 1974 venne proclamato Cittadino benemerito dall’Amministrazione comunale su proposta della Famija Sanremasca. Floriano Calvino morì a Genova il 19 gennaio 1988.

Tina Merlin per la sua ricerca di verità e per aver dato voce agli abitanti di Erto e Casso fu denunciata per la diffusione di notizie false e tendenziose atte a turbare l'ordine pubblico e poi assolta. Tina Merlin subì l'ostracismo delle istituzioni anche come giornalista de l'Unità e le fu interdetto l'accesso al tribunale dove avvenne il processo. Il suo libro sulla strage: 'Sulla Pelle viva. Come si costruisce una catastrofe. Il caso del Vajont', riuscì a pubblicarlo solo 20 anni dopo, nel 1983. Tina Merlin è stata come suo marito Aldo Sirena partigiana e scrittrice. Da leggere la sua autobiografia: La casa sulla Marteniga. E' morta a 65 anni di tumore nel 1991.
Nel 1992, poco dopo la sua scomparsa, è stata fondata l’associazione culturale che porta il suo nome ' Tina Merlin' sui temi dei diritti civili, della giustizia sociale e della condizione femminile. Nel 2004 è stata pubblicata una raccolta di articoli giornalistici dal titolo La rabbia e la speranza.